ApiServizi Varese srl in qualità di ente accreditato per i servizi al lavoro, può supportare le  imprese, che devono inserire persone appartenenti alle categorie iscritte al Collocamento Mirato disabili (L. 68/99) nella propria azienda.

Nel dettaglio offre i seguenti servizi

  • Analisi del fabbisogno occupazionale e definizione della mansione e delle relative competenze.
  • Preselezione: individuazione di profili idonei allo svolgimento della mansione indicata dall’impresa e organizzazione dei colloqui conoscitivi
  • Attivazione di tirocini di inserimento o formazione e orientamento
  • Accompagnamento al lavoro sia in fase di inserimento che post assunzione
  • Possibilità di accedere alle misure provinciali che finanziano i servizi proposti

Convenzione ex Art. 14

L’azienda può ottemperare all’obbligo di assunzione di un disabile (che presentano particolari difficoltà di integrazione nei cicli lavorativi ordinari), attraverso un altro strumenti di politica attiva del lavoro – la convezione ex art. 14.

In cosa consiste?

  • L’azienda affida una commessa di lavoro a cooperative sociali di tipo B (cooperative che svolgono attività produttive e di servizio dedicate all’integrazione lavorativa delle persone svantaggiate, tra cui i disabili)
  • La Cooperativa, per lo svolgimento dell’attività prevista dalla commessa, assume uno o più lavoratori disabili
  • Si stipula di una convenzione tra azienda, cooperativa e Provincia

Per supportare l’impresa all’obbligo di assunzione di personale disabile, è a disposizione uno “Sportello Disabili”, il mercoledì su appuntamento, con un rappresentante delle Cooperative sociali e con funzionari dell’area sindacale dell’Associazione per fornire consulenza in materia e per procedere ad attuare una convenzione.

 

Inserimento lavorativo dei disabili: siglato un accordo tra Confapi Varese e A.S.C.I.

Il lavoro è un diritto di tutti i cittadini, davanti al quale non ci sono differenze. E agevolare l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, attraverso opportunità d’impiego nelle aziende associate Confapi è ora possibile.

E’ questo l’obiettivo dell’accordo sottoscritto tra Confapi Varese e A.s.c.i., Azienda Sociale Comuni Insieme di Lomazzo. L’intesa è stata siglata qualche giorno fa dal presidente di Confapi Marco Tenaglia e da Gianpaolo Folcio di A.s.c.i..

L’intesa prevede la possibilità per le aziende associate Confapi di effettuare una parte delle assunzioni obbligatorie previste dalla legge 68/99 affidando a Confapi e ad Asci il ruolo di intermediazione e selezione.

«Il lavoro è un diritto che va garantito a tutti i cittadini e davanti a un diritto non ci sono differenze – ha dichiarato il presidente Marco Tenaglia – Con questo provvedimento ci proponiamo di mettere a disposizione un ulteriore strumento per affermare una cultura inclusiva, che consenta di vedere l’inserimento delle persone con disabilità come un’opportunità e non come un semplice obbligo previsto dalla legge».

Le aziende saranno supportate da Confapi in tutte le fasi dell’inserimento lavorativo, dalla fase di selezione a quella di assunzione, individuando, dai profili forniti da A.S.C.I., il candidato idoneo a ricoprire il ruolo, anche attraverso una fase di accompagnamento e di monitoraggio all’inserimento lavorativo.

Questo accordo si inserisce all’interno di un panel di servizi che Confapi già offre alle aziende associate, legati alle politiche attive del lavoro, all’intermediazione e agli inserimenti delle categorie protette nelle PMI.

Le aziende che decideranno di usufruire di tale opportunità avranno un supporto adeguato rispetto alle misure Regionali riferite a Tirocini formativi, Riqualificazione, Ricollocazione e Apprendistato grazie a ApiServizi Varese, ente accreditato presso Regione Lombardia per i servizi alla formazione e per quelli al lavoro.

Nel dettaglio:

 

PUBBLICATO IL BANDO DOTE IMPRESA  PER IL COLLOCAMENTO MIRATO

Ecco le Agevolazioni per l’inserimento di categorie protette in azienda.

Imprese beneficiarie:

Possono accedere all’agevolazione le imprese private di qualsiasi dimensione e settore di attività, con sede legale e/o operativa e/o minimo una unità produttiva e/o una filiale nel territorio della Provincia di Varese.

Requisiti delle imprese beneficiarie:

Al momento della domanda di contributo e fino all’avvenuta liquidazione dell’agevolazione, le imprese richiedenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in regola con l’applicazione del CCNL di riferimento;
  • essere in regola con gli adempimenti contributivi INPS e INAIL e con le contribuzioni degli enti paritetici ove espressamente previsto dai contratti Collettivi Nazionali Interconfederali o di categoria;
  • essere in regola con la normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.
  • le aziende soggette agli obblighi di cui alla legge n. 68/99 devono essere in regola con gli obblighi di assunzione cui all’art.3 della legge ovvero aver sottoscritto una convenzione ex. art. 11 legge 68/99 o una convenzione ex. art. 14 D.lgs. 276/2003.
  • al momento della domanda, gli stessi datori di lavoro, non devono avere in atto sospensioni dal lavoro ovvero non aver proceduto a riduzioni di personale o a licenziamenti collettivi negli ultimi 12 mesi, salvo che il rapporto di lavoro non venga attivato ai fini di acquisire professionalità diverse da quelle dei lavoratori interessati alle predette riduzioni o sospensioni.

Soggetti destinatari:

Sono destinatari degli interventi le persone con disabilità, di età compresa tra i 16 ed i 64 anni, residenti o

domiciliati in Lombardia e in possesso della certificazione richiesta come di seguito specificato:

  1. a) gli iscritti alle liste del Collocamento Mirato in condizione di disoccupazione;
  2. b) i giovani uscenti dalle scuole, fino a 6 mesi dopo la conclusione del percorso scolastico, in possesso della certificazione del grado di disabilità in coerenza con i criteri previsti dall’art. 1 della l.68/99;
  3. c) il personale dipendente delle aziende con riduzione della capacità lavorativa acquisita nel corso della carriera lavorativa e certificata dal medico competente, con la specifica finalità di riposizionamento della persona nel percorso lavorativo aziendale e di accompagnamento nel percorso di riconoscimento e certificazione dell’invalidità.

Incentivi alle assunzioni:

Massimali previsti per le assunzioni effettuate dal 2018 al 2019 che non concorrono all’assolvimento degli obblighi di cui alla legge n. 68/99:

Massimali previsti per le assunzioni che concorrono all’assolvimento degli obblighi di cui alla legge n. 68/99:

Rimborso per l’attivazione di tirocini

Sono previsti rimborsi per l’attivazione di tirocini formativi e/o di orientamento o di inserimento/reinserimento lavorativo di persone con disabilità  svolti secondo le direttive previste dalla D.g.r. n. 825/2013.

Il rimborso è riconosciuto al soggetto che assume l’onere di sostenere i costi del tirocinio.

L’importo rimborsato è pari alla quota dell’indennità effettivamente erogata (se prevista) e alle spese sostenute per assicurazione, formazione prevista per legge e sorveglianza sanitaria, per un massimo di € 3.000. La quota dell’indennità può essere riconosciuta solo a fronte di una percentuale di presenza effettiva non inferiore al 70% sui giorni previsti dal progetto di tirocinio.

La domanda di liquidazione del rimborso potrà essere presentata solo in seguito all’attivazione del tirocinio.

La richiesta degli incentivi deve essere presentata tramite compilazione on line sul sistema informativo SINTESI della Provincia di Varese, al fine di riservare le relative risorse.

Le domande possono essere presentate fino ad esaurimento delle risorse e comunque entro il termine ultimo del 30 dicembre 2019

Le aziende interessate per avere ulteriori informazioni possono prendere contatto con l’Area Lavoro Welfare e Capitale Umano di Confapi Varese –  tel. 0332 830 200 – email. risorse.umane@api.varese.it

E’  inoltre disponibile: il servizio help-desk contattabile del COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE

dal lunedì al venerdi dalle ore 8.45 alle 12.45

tel. 0332 252.741 – 252.764 – 252.559 – email pianodisabili@provincia.va.it